Pesche

pesche

Grazie alle loro virtù, alla succosità ed alla capacità dissetante, le pesche sono uno dei frutti per eccellenza dell’estate. Sono costituite da circa l’85% di acqua e contengono: potassio, fosforo, magnesio, calcio e ferro. Sono inoltre ricche di vitamine del gruppo B, vitamina A e vitamina C.

Le pesche sono carnose, succose e zuccherine, con una polpa dolcissima e profumata, bianca, gialla o rossa, una buccia sottile vellutata, o liscia, con un nocciolo duro che può essere aderente o non aderente alla polpa. Avendo basso valore energetico, solo 28 calorie per ogni etto, può essere inserita in qualunque regime nutrizionale.

Le pesche hanno proprietà diuretiche, rinfrescanti, remineralizzanti, oltre che vermifughe e leggermente lassative. Grazie al loro contenuto di potassio, inoltre, le pesche apportano benefici al sistema nervoso, al battito cardiaco e aiutano a reintegrare energie dopo un intenso sforzo. Sono altresì utili al sistema immunitario, alla vista, alla pelle, alle unghie ed ai capelli; aiutano a contrastare i danni dell’invecchiamento, contribuiscono a regolare la pressione arteriosa e sono anche indicate nei casi di gotta e disturbi artritici. Le pesche sono digeribili e solitamente ben tollerate dallo stomaco.

Se ne consiglia tuttavia il consumo lontano dai pasti, per evitare fastidiose fermentazioni che potrebbero verificarsi in associazione con alcuni alimenti. Essendo ricche di fibra, inoltre, le pesche sono molto sazianti e costituiscono un buono spuntino o una buona merenda per attenuare la fame tra un pasto e l’altro.

La pesca è un frutto dall’importante simbologia: nell’antico Egitto infatti era sacra al Dio dell’infanzia Arpocrate, in Cina l’albero di pesco è considerato l’albero dell’immortalità, per il Buddismo la pesca è uno dei tre frutti benedetti, in Giappone il pesco viene considerato protettore contro gli spiriti maligni.

 

 

 

FacebookTwitterGoogle+WhatsApp